Cliccate qui per visualizzare normalmente la pagina (in configurazione e grafica). Se non ci riuscite, controllate che il vostro navigatore accetti JavaScript e supporti i CCS. Vi raccomandiamo un navigatore, che rispetti gli standard, come: Google Chrome, Firefox, Safari...

Vi trovate qui: home > buddha > sermone ai kālāmas
riassunto della pagina

La maggior parte delle credenze si basa su dei fatti non verificati.

In visita ai Kālāmas, Buddha dà un'indicazione chiave sui ragionamenti che ognuno dovrebbe fare, prima di adottare un qualunque insegnamento.

il sermone ai Kālāma

Un giorno, Buddha viaggiava con i suoi monaci, verso il regno di Kosala. Camminando, giunse nel grande villaggio di Kesamutti, dove vivevano i Kālāmas. Qui, il capo del villaggio accolse il Beato, con parole cortesi e gentili. Quindi, gli rivolse queste domande:

«Oh, nobile Buddha!A volte, degli asceti ci fanno visita nella borgata. Ognuno elogia la propria dottrina, vantandone la superiorità in rapporto alle altre. Chi dice il vero? Chi non lo dice? Immersi nel dubbio, non riusciamo a saperlo. Potreste, nobile Buddha, illuminarci su questo punto?

— Kālāmas! Non crediate solo perché qualcuno vi dice che è vero! prestate fede, solo dopo avere riflettuto, analizzato e compreso da voi stessi. Non crediate che ciò che sapete, per conto vostro, sia sano e benefico!

Vi sono dieci tipi di voci, sulle quali non bisogna contare per fare nascere una fede. Non bisogna adottare un credo, né tenere per vera una parola, oppure una dottrina, con il solo pretesto che sia:

  1. Una parola che circola da un individuo ad un altro (da bocca ad orecchio).
  2. Una parola che provenga dagli antenati.
  3. Una parola non certa (un «sentito dire», oppure una tradizione).
  4. Una parola, che costituisce un contenuto letterario (testi sacri, ecc..).
  5. Una parola nata da semplice riflessione personale.
  6. Una parola che risulta da una semplice deduzione.
  7. Una parola che si fonde sulle apparenze.
  8. Una parola proveniente da una convinzione individuale.
  9. Una parola che nasce da una persona di rispetto.
  10. Una parola che proviene da un professore.

Kālāmas! Rigettate ogni dottrina, di cui conoscete, per conto vostro, delle lacune. Adottate solo una dottrina che, personalmente, sapete essere sana e benefica.

I Kālāmas  gioirono alle parole del Beato. Una volta che ne conobbero l'insegnamento, tutti lo adottarono.


info su questa pagina

Origine: Opera francese

Autore: Monaco Dhamma Sāmi

Traduttore: Guido Da Todi

Data: Gennaio 2004

Aggiornamento: 29 settembre 2011